Collegiale di Fine Stagione

Domenica 23 Giugno 2024, alla palestra Sporting Club di Ravenna,
si svolgerà una lezione collegiale esclusiva per gli allievi SIKM.

L'evento, che sancisce la conclusione della stagione 2023/2024,
sarà tenuto dal Founder Marco Buschini.

Per informazioni e iscrizione chiedi al tuo tecnico.

Krav Maga

Il Krav Maga è la quintessenza della tattica per l'autodifesa, il  combattimento corpo a corpo e la protezione di terza persona. Insegna ad affrontare i reali pericoli della strada e, valutando le circostanze, a scegliere l'azione più opportuna da utilizzare per salvaguardare la propria incolumità.

Le tecniche non hanno nulla di superfluo o estetico, prediligendo efficacia, istintività, condizionamento e velocità di esecuzione allo scopo di  neutralizzare il problema, sia dileguandosi che colpendo per poi fuggire o arrivando alla risoluzione più estrema.

Riconosciuto a livello mondiale è lo studio della protezione di terza persona contro gli attacchi o minacce armate.

La sua semplicità e immediatezza, lo rende adatto a chiunque.

Un po’ di storia

Il Krav Maga nasce in Israele negli anni '40 a opera di Imi Lichtenfeld per esigenze militari e negli ultimi 80 anni si è perfezionato sul campo di battaglia. Fino a trent'anni fa era insegnato esclusivamente ai reparti speciali dell'Israeli Defense Force e agli operatori della sicurezza nazionale. Successivamente viene adattato per esigenze civili, mantenendo però sempre intatti i principi fondamentali per cui è nato.

In Italia

Il Krav Maga in Italia è stato diffuso a partire dal 1999 dal Maestro Philippe Kaddouch, ex Istruttore dell'esercito israeliano, che in quell'anno ha formato Marco Buschini e altri pochi Maestri (come riportato anche dall'Enciclopedia Treccani alla la voce Krav Maga).

Chi lo adopera

Attualmente il Krav Maga è stato adottato da molti reparti speciali militari e di Polizia al mondo, è in uso in alcuni reparti speciali in Italia, in alcuni comandi di Polizia locale, e in vari reparti dell'Esercito.

Per la difesa personale

Il Krav Maga non è un arte marziale e gli allenamenti non prevedono uso di protezioni, a parte la "conchiglia" paragenitali, fatta eccezione per le sessioni di sparring, in cui possono essere impiegati guantoni, caschi e paradenti.

Non vengono usate leve articolari o bloccaggi a terra perchè, nella realtà di una aggressione per strada, rimanere bloccato a terra o comunque tangente all'aggressore sarebbe un grave errore!

Un aspetto che occupa gran parte dell'allenamento, è la preparazione psicologica. Data la sua applicazione nel tentativo di sopravvivere a una aggressione, la preparazione emotiva deve assolutamente far parte dell'addestramento globale, mettendo sotto stress il praticante.

SIKM

Scuola Italiana Krav Maga

Nel 1998 per opera di Marco Buschini nasce la ASO, che è stata la prima federazione italiana a portare il Krav Maga nel nostro paese, dando poi vita nel 2000, al sito kravmaga.it.
Arrivati al 2005 i tempi divengono maturi per evolvere ulteriormente questa realtà, trasformandola nell'odierna SIKM. Da allora la nostra federazione è stata in assoluto quella che ha contato il maggior numero di iscritti, oltre ad aver formato moltissimi tecnici qualificati, alcuni dei quali poi confluiti in altre realtà minori.
A oggi, nonostante il blocco dovuto alla situazione pandemica mondiale, continuiamo la nostra opera di divulgazione della disciplina del Krav Maga, applicata alla difesa personale, attraverso numerose scuole diffuse in buona parte delle regioni del nord Italia.